AGAR PLASTICITY

È sempre più noto che i rifiuti di plastica stanno diventando un importante pericolo per l’ambiente. Per questa ragione alcuni progettisti e ingegneri stanno cercando di trovare il modo di sostituire la plastica utilizzata per gli imballaggi e altre applicazioni con alternative più eco-friendly. AMAM (un gruppo di designer giapponesi) ha realizzato un prototipo che potrebbe cambiare completamente il mondo del packaging. Il loro progetto si chiama “Agar Plasticity” ed esplora le proprietà dell’agar, un composto di diverse alghe, inclusa quella rossa che è facilmente coltivabile e presente in quantità in tutto il mondo. L’agar viene tradizionalmente consumato come cibo in Giappone ma è anche utilizzato in campo medico-scientifico. Viene venduto essiccato sotto forma di blocco, scaglie o polvere. Il blocco si presenta poroso, soffice e molto leggero rispetto al suo volume. Queste caratteristiche hanno portato il team AMAM ad esplorare la possibilità di utilizzarlo come materiale d’imballaggio.

Agar Plasticity@Venetalink

Agar Plasticity@Venetalink

Finora, il team AMAM ha prodotto una selezione di prodotti e imballaggi che utilizzano le proprietà dell’agar, ma sta cercando di collaborare con industrie in grado di offrire un supporto scientifico per poter approfondire lo studio e lo sviluppo di questo materiale. Il progetto è stato presentato al Lexus Design Award 2016 nella categoria ‘ANTICIPATION’, vincendo il primo premio. Durante la manifestazione, il team ha spedito un contenitore in agar con all’interno una bottiglietta di profumo da Tokio a Milano dimostrando la validità del materiale. Dopo l’uso, i prodotti agar possono essere smaltiti in modo ecologico. Possono essere utilizzati per migliorare la ritenzione dell’acqua nel suolo, come fertilizzante e se dovessero finire in mare o in discarica, non sarebbero dannosi per l’ambiente.

Agar Plasticity@Venetalink

Agar Plasticity@Venetalink

Salva

Print Friendly, PDF & Email

Back to homepage

SHARE YOUR IDEAS!