ICONE DEL DESIGN_POLTRONE

Ci sono oggetti che non hanno tempo: intramontabili, eterni, incollocabili; dietro a quest’aura di “immortalità” ci sono ragioni storiche culturali profonde, ma soprattutto ciò che accomuna queste icone è la forza espressiva che perdura nel tempo grazie alla dimensione progettuale dalla quale sono nate.

Qui ci concentriamo su un tema affrontato da molti maestri, e sul quale a partire dagli anni ‘20 dello scorso secolo si potrebbe osservare l’evoluzione del design mondiale: il focus di oggi è la poltroncina; ciò che colpisce è la capacità di questo complemento di arredo di influenzare e “creare” un intero ambiente e le relazioni all’interno di esso.

Il punto di partenza non può che essere la celeberrima Barcelona, progettata da Mies van der Rohe nel 1929 che è la sintesi perfetta di tradizione e modernità, valori veicolati attraverso la comodità della seduta che viene volontariamente accostata all’utilizzo dell’acciaio simbolo di avanguardia tecnologica per quegli anni. La forza che la rende eterna è la capacità di veicolare un’estrema eleganza con sintesi e semplicità: “less is more”.

Barcelona @VenetaLink

Barcelona @VenetaLink

La grandezza della poltrona Lady di Marco Zanuso (1951), invece, è il suo essere l’emblema di quel design degli anni ’50 che ha avuto la capacità di trasformare e valorizzare materiali bellici, come la gommapiuma, in materiali per l’arredo. Senza contare che fu una delle prime, se non la prima, poltrona imbottita, vero e proprio capolavoro del made in Italy.

Lady @VenetaLink

Lady @VenetaLink

La maestria nel gestire diverse densità di imbottitura è rappresentata dalla poltrona San Luca dei Fratelli Castiglioni che insieme a Dino Gavina nel 1960 hanno concepito questo oggetto concentrandosi su una grande funzionalità data dai diversi punti di appoggio per la schiena, ma anche su una conseguente forza estetica che vuole essere sintesi elegante di forme del passato per poter già entrare nella memoria e nella mente delle persone.

San Luca @VenetaLink

San Luca @VenetaLink

Si è di fronte a qualcosa di più che una semplice poltrona quando si parla della Lounge Chair dei coniugi Eames: rappresenta un vero e proprio emblema della cultura americana degli anni 50; nasce dal desiderio di estrema usabilità e comodità che gli Eames raggiungono attraverso una cura maniacale nella scelta dei materiali e lavorazioni di qualità unici.

Eames @VenetaLink

Eames @VenetaLink

Queste 4 vere e proprie icone di stile sono collegate alla storia che hanno raccontato e che ancora raccontano: ciò che può far la differenza in un prodotto di arredo è questa capacità di penetrare nella percezione dello spazio che le persone hanno. La loro forza espressiva diventa veicolo per comunicare suggestioni e contesti; tutto questo nasce dalla libertà d’azione di cui godeva il mondo del design anni ‘50 nel quale l’alleanza progettista-imprenditore diventò il campo d’azione per la fabbricazione di prodotti che infondono emozioni e speranze.

Print Friendly, PDF & Email

Back to homepage

SHARE YOUR IDEAS!